Consob: ok alle malefatte di banche e finanziarie e ad una vigilanza che mostra tutte le sue carenze… ma se un funzionario effettua ricerche ed approfondimenti basati su dati pubblici e utilizzabili scattano avvertimenti ed intimidazioni.

0
32

Quattro parlamentari del PD hanno presentato una interrogazione ai Ministri Padoan e Madia chiedendo se la pubblicistica di Marcello Minenna possa interferire con l’attività che svolge presso la Consob. Tutto ciò appare inspiegabile, assurdo e assolutamente fazioso. Gli articoli, i saggi ed i libri scritti dal Prof. Marcello Minenna rappresentano un contributo prezioso per i cittadini e per il Paese, all’insegna della ricerca della verità e dell’approfondimento di temi estremamente rilevanti, e sono redatti con preparazione, documentazione ed accuratezza. Non ci spieghiamo come tali pubblicazioni possano interferire con l’attività svolta in Consob. Non riusciamo a concepire come la ricerca e lo studio possano rappresentare una “minaccia” ai mercati. Abbiamo avuto occasione di ascoltare i suoi interventi in convegni, interviste ed iniziative, reputandoli interessanti e utili per comprendere la complessa situazione economica italiana ed europea. Troviamo sconvolgente che, con i tanti problemi che in questo periodo attanagliano il Paese (debito pubblico, crisi bancarie, carenze della vigilanza di Banca d’Italia e Consob, conflitti di interesse reali e non fittizi) alcuni parlamentari del PD non trovino di meglio da fare che scagliarsi contro la ricerca, lo studio e la libera informazione. Ringraziamo il Prof. Minenna e tutti quelli che, come lui, si battono per la trasparenza e la correttezza nel settore economico e finanziario.